Gtech in rialzo, scambia sotto prezzo di recesso a 19,174 euro

lunedì 6 ottobre 2014 10:57
 

MILANO, 6 ottobre (Reuters) - GTech si muove in rialzo in borsa, anche se sotto il prezzo del recesso che è stato fissato indirettamente con la convocazione - nella notte tra venerdì e sabato - dell'assemblea straordinaria per la fusione con Igt, che si terrà il 4 novembre.

Il prezzo di liquidazione di chi intende esercitare tale diritto è pari a 19,174 euro (equivalente alla media aritmetica dei prezzi di chiusura nei sei mesi che precedono la pubblicazione dell'avvio di convocazione). Intorno alle 10,50 GTech sale dell'1,35% a 18,72 euro in un mercato moderatamente positivo. Nella norma i volumi.

L'operazione di acquisizione è subordinata, tra l'altro, alla condizione che la percentuale dei recessi non superi la soglia del 20% del capitale. "Ritengo poco probabile che questo possa accadere", dice un analista.

Da oggi parte tra l'altro un piano di riacquisto di azioni proprie a un prezzo massimo di 18,44 euro varato dalla società per stabilizzare il titolo. Durerà fino al termine del periodo per l'esercizio del diritto di recesso, ossia entro 15 giorni dall'iscrizione presso il Registro delle imprese di Roma della delibera assembleare di approvazione del progetto.

I 19,174 euro saranno pagati infatti solo se la fusione con l'americana Igt andrà in porto e Gtech sbarcherà alla borsa di New York, altrimenti la società controllata dal gruppo De Agostini resterà normalmente quotata a Milano, si legge nei documenti pubblicati in vista dell'integrazione transfrontaliera.

Le azioni rivenienti dal recesso saranno offerte agli azionsiti Gtech prima che la fusione diventi efficace e quelle invendute saranno rilevate dalla società stessa.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia