PUNTO 1-World Duty Free prevede risparmi su costi per 40-45 mln in 3 anni

giovedì 2 ottobre 2014 19:59
 

(Accorpa pezzi, aggiunge dettagli da conference call)

MILANO, 2 ottobre (Reuters) - World Duty Free ha siglato un'intesa per estendere di sei anni e sei mesi la concessione con l'aeroporto londinese di Heathrow, prevede di poter realizzare risparmi sui costi per 40-45 milioni nei prossimi tre anni e conferma la guidance per il 2014.

E' quanto emerso dal Cda che oggi ha accettato le dimissioni dell'AD Josè Maria Palencia e dalla conference call che è seguita con la comunità finanziaria.

L'impressione, come spiega un analista, è che il management stia lavorando per rendere la società "più bella" agli occhi di futuri partner.

Obiettivo, quello di un'integrazione, ribadito anche oggi. Nelle slide della presentazione si sottolinea infatti che il gruppo è "aperto a business combination".

L'allungamento della concessione a Heathrow potrebbe non essere la sola. Durante la conference call i vertici della società, rispondendo alla domanda di un analista, hanno infatti spiegato che "stanno lavorando" anche sulle concessioni negli Stati Uniti, che hanno una durata più limitata. Inoltre il gruppo ha messo in evidenza le opportunità di crescita in Nord America.

Per quanto riguarda i costi, nel dettaglio il gruppo prevede nei prossimi tre anni ulteriori 15 milioni di tagli di costi sulle attività spagnole e altri 25-30 milioni di riduzione dei costi grazie alla maggiore integrazione tra le piattaforme europee.

Il management ha quindi confermato la guidance per il 2014, pur sottolineando che vanno considerati una serie di nuovi fattori. Tra questi l'aumento degli affitti a Heathrow a partire da aprile 2014, i costi di ristrutturazione one-off e la plusvalenza di 10 milioni realizzata grazie alla cessione di asset no-core come il Palacios y Museos e il Creuers del Port de Barcelona.

Sempre oggi, il Cda ha accettato le dimissioni dell'AD Josè Maria Palencia, che riceverà una buonuscita di 2,2 milioni di euro, a cui si aggiunge un patto di non concorrenza di 354 mila euro e il pagamento di stock option per 708 mila euro.   Continua...