RES PUBLICA-Crescita, la sfida torna in Europa, Renzi salvi sponda Bce

giovedì 2 ottobre 2014 11:18
 

di Paolo Biondi

ROMA, 2 ottobre (Reuters) - La sfida è tornata in Europa e oggi la giornata è particolarmente impegnativa su due fronti.

Il primo è l'incontro di Matteo Renzi a Downing Street con David Cameron nel tentativo di allargare il consenso che possa arginare le rigidità di Angela Merkel.

Il secondo è il consiglio della Bce oggi a Napoli dove Mario Draghi deve superare una "fatica di Ercole" - come ha detto lui stesso ieri commentando gli affreschi di palazzo Reale dove si trovava con Giorgio Napolitano alla cena di gala - per far passare il riequilibrio fra i Paesi dell'eurogruppo superando l'opposizione della Germania e dei suoi alleati.

Su questo fronte c'è da dire che lo "strappo" francese - Parigi non ne vuole sapere di scendere sotto il 3% del deficit fino al 2017 - ha irrigidito ancora di più la Merkel e bisogna vedere se i tedeschi si accontenteranno del richiamo fatto oggi dal prossimo commissario Ue all'Economia Pierre Moscovici al rispetto delle regole entro le quali trovare margini di flessibilità, o se la dichiarazione non verrà letta come un ennesimo atto di guerra.

Renzi si trova a mediare. Oggi è a casa di un premier, Cameron, che ha annunciato di voler percorrere la strada di misure espansive, tagliando le tasse. Renzi cercherà di convincerlo a partecipare al vertice su occupazione e lavoro della prossima settimana a Milano, per avere un alleato in più, seppure fuori dall'Eurogruppo.

Ma l'alleato più forte è all'Eurotower e il fronte delle politiche espansive dovrà fare il possibile per spianargli la strada senza aizzargli contro gli avversari interni.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia