BORSE ASIA-PACIFICO - Borse in calo, preoccupa situazione Hong Kong

lunedì 29 settembre 2014 09:05
 

INDICE                        ORE  8,40    VAR %    CHIUS. 2013
 ASIA-PAC.                     473,87       -1,28    468,16
 TOKYO                         16.310,64    0,50     16.291,31
 HONG KONG                     23.218,16    -1,94    22.656,92
 SINGAPORE                     3.289,02     -0,10    3.167,43
 TAIWAN                        8.960,76     -0,32    8.611,51
 SEUL                          2.026,60     -0,25    2.011,34
 SHANGHAI COMP                 2.355,97     0,35     2.115,98
 SYDNEY                        5.264,20     -0,93    5.352,21
 MUMBAI                        26.659,52    0,12     21.170,68
 29 settembre (Reuters) - Le borse dell'area Asia-Pacifico si
sono mosse in calo, con la sola esclusione dei mercati cinesi e
di Tokio, queste ultime sostenute dai dati dell'economia
americana e dal forte apprezzamento del dollaro. In ribasso le
altre piazze, soprattutto la borsa di Hong Kong, che patisce per
le manifestazioni politiche di protesta che si sono scatenate
nell'ex colonia britannica.
    Intorno alle 8,40 italiane l'indice Msci dell'area
Asia-Pacifico, che non comprende Tokyo, scende
dell'1,29%.
    A HONG KONG il mercato si è mosso in deciso calo spinto
dalle preoccupazioni per le manifestazioni di protesta per la
democrazia, le più violente dal passaggio dell'ex colonia
britannica sotto il controllo cinese. A metà seduta l'indice ha
sfiorato un calo del 2%. Prada perde l'1,55%.
    SHANGHAI non ha risentito particolarmente dell'andamento
della borsa di Hong Kong. L'indice CSI300 è in
crescita dello 0,4%.I titoli di Beijing Shiji Information
Technology hanno segnato un aumento del 10% dopo che
Alibaba Group ha acquistato il 15% del capitale del
fornitore di tecnologie alberghiere per 457 milioni di dollari.
    TAIWAN ha chiuso in calo, -0,32% a causa delle prese di
beneficio in vista del fine mese e per l'incertezza negli altri
mercati. Non si è comunque avuto un effetto sulla borsa delle
proteste di Hong Kong. L'indice del settore elettronico 
si è mosso in negativo (-0,34%) e il sottoindice del settore
finanziario è sceso ancora di più (-0,56%).
    SEUL ha chiuso in deciso calo, circa l'1%, segnando il
minimo dal 7 aprile. Sulla seduta ha pesato l'andamento del
dollaro sostenuto dai positivi dati dell'economia americana.
Hanno pagato maggiormente i titoli delle società che dipendono
dalla domanda cinese come il gruppo dell'acciaio Posco
 che ha perso il 4,5% e il gruppo cantieristico 
Daewoo Shipbuilding & Marine Engineering che ha
lasciato sul terreno il 4,3%.
    MUMBAI si muove in leggero rialzo, mentre è più deciso il
guadagno dei titoli dei settori dell'export sostenuti dal forte
aumento del dollaro.
        
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia