Italiaonline punta a utilizzare proventi Ipo per acquisizioni

venerdì 26 settembre 2014 16:20
 

MILANO, 26 settembre (Reuters) - I proventi dell'Ipo di Italiaonline, che punta a sbarcare a Piazza Affari il prossimo 14 ottobre, saranno utilizzati soprattutto per crescere per linee esterne e i primi frutti di questa strategia potrebbero vedersi già entro fine anno.

E' quanto spiegato dal management della società durante la presentazione alla stampa dell'offerta pubblica di vendita e sottoscrizione che parte oggi, mettendo sul piatto 23 milioni di azioni, 15 milioni derivanti da un aumento di capitale e 8 milioni vendute dall'azionista Libero Acquisition Sarl, che fa capo alla Orascom Tmt di Naguib Sawiris.

La forchetta indicativa di prezzo è stata fissata tra i 5 e i 6 euro per azione, per una raccolta complessiva tra i 115 e i 138 milioni di euro (prima della greenshoe, pari al 15% dell'offerta). In borsa la società potrebbe sbarcare con una capitalizzazione massima di 390 milioni e un flottante di poco superiore al 35%.

"I proventi dell'Ipo saranno destinati soprattutto a finanziare l'M&A", ha spiegato l'AD Antonio Converti. "Entro fine anno potremmo già dare visibilità a qualche prima acquisizione, che poi concluderemo nel primo trimestre del 2015".

Il manager ha ricordato come la società sia riuscita a integrare con successo Matrix, acquisita nel novembre 2012, e ha spiegato che si prepara a crescere ancora.

"Ci poniamo come obiettivo di fare un altro salto di qualità di questa dimensione", ha aggiunto.

Converti ha ricordato che la società è priva di debito e, sommando la cassa ai proventi dell'Ipo, senza indebitarsi, può arrivare a una potenza di fuoco di circa 100 milioni per le acquisizioni.

Tre sono in particolare i settori di interesse: quello dei servizi legati alla pubblicità, del 'locale' e dei portali verticali.

Il presidente Khaled Bishara ha invece escluso la possibilità di una fusione con Dada, controllata dalla stessa Libero Acquisition Sarl.   Continua...