A2A, Cda taglia compensi di oltre 50% a presidente, vice e AD

mercoledì 24 settembre 2014 19:03
 

MILANO, 24 settembre (Reuters) - Il Cda di A2A ha deciso di tagliare di oltre il 50% il monte complessivo dei compensi del vertice aziendale - presidente, vicepresidente e AD -, di conseguenza il costo complessivo per l'azienda è diminuito di oltre il 65%.

Ne dà notizia un comunicato della utility lombarda.

Nel dettaglio, per i tre componenti del vertice aziendale non è previsto il contratto di lavoro subordinato. Al presidente esecutivo sarà riconosciuto un compenso lordo omnicomprensivo di 390.000 l'anno, senza alcuna componente variabile. Al vice presidente un compenso lordo di 40.000 l'anno, senza alcuna componente variabile, riconosciuto per la responsabilità dell'Internal Audit del gruppo A2A. All'AD un compenso lordo di 620.000 euro l'anno.

All'amministratore delegato è stato inoltre riconosciuto un compenso variabile massimo, legato al raggiungimento degli obbiettivi previsti dal piano Incentivi, fino al 40% dell'emolumento complessivo. Per il 2014 l'AD ha rinunciato ai compensi variabili che potrebbero essergli riconosciuti.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia