Jimmy Choo si quoterà a borsa Londra, JAB venderà almeno 25%

martedì 23 settembre 2014 14:54
 

PARIGI/LONDRA, 23 settembre (Reuters) - Jimmy Choo ha annunciato i piani di quotazione alla borsa di Londra il mese prossimo, un'operazione che potrebbe valorizzare il gruppo delle scarpe di lusso oltre 700 milioni di sterline (900 milioni di euro) e che prevede la vendita di almeno il 25% da parte di JAB Luxury, la società di investimenti della famiglia miliardaria tedesca Reimann.

Il marchio, reso popolare dall'attrice Sarah Jessica Parker nella serie "Sex and the City", vede nello sbarco in borsa un'opportunità per aumentare la sua esposizione alla fascia alta del mercato delle calzature, una delle aree a più rapida crescita dell'industria dei beni di lusso.

La quotazione arriva tuttavia in un momento impegnativo, caratterizzato da un generale rallentamento della crescita del settore e dai timori per i conflitti in Ucraina e Medio Oriente, che potrebbero influenzare futuri piani di espansione.

Il brand punta a far crescere le proprie attività con l'apertura di nuovi negozi in Asia e altrove, anche se con l'Ipo non saranno raccolti fondi che andranno alla società perché non ci sarà aumento di capitale.

Fondata negli anni Novanta dal malese Jimmy Choo, la società è passata nelle mani di vari fondi di private equity prima di essere acquistata per oltre 500 milioni di sterline nel 2011 da JAB.

Alla fine di giugno il gruppo aveva 120 negozi a gestione diretta e intende aprirne 10-15 all'anno fino al 2016. Circa cinque di questi saranno in Cina dove l'obiettivo finale è quello di arrivare a 30 negozi dagli 11 attuali.

Gli analisti si aspettano che Jimmy Choo punti a un prezzo in linea con quello di Salvatore Ferragamo, che attualmente tratta a circa 12 volte l'Ebitda 2015 e ha un valore di mercato di 3,75 miliardi di euro.

Il settore dei beni di lusso scambia in media a multipli intorno a 10 volte l'Ebitda del prossimo anno.

Jimmy Choo ha chiuso il 2013 con un Ebitda adjusted di 46,9 milioni di sterline su ricavi per 281,5 milioni. Nel primo semestre di quest'anno i ricavi hanno raggiunto 150,2 milioni di sterline con un Ebitda di 27,6 milioni. La crescita dei ricavi nei sei mesi è stata pari al 9,4% con un incremento delle vendite a parità di perimetro del 2,2%.   Continua...