Borsa frena con Europa dopo referendum Catalogna, accusa perdite maggiori

venerdì 19 settembre 2014 14:25
 

MILANO, 19 settembre (Reuters) - Piazza Affari inverte rotta in sintonia con un deterioramento di altri mercati europei dopo che il presidente della Catalogna ha detto che firmerà il decreto per indire un referendum sulla indipendenza da Madrid il 9 novembre.

Proprio la decisione della Scozia di rimanere nel Regno Unito aveva impresso slancio alle borse stamani, con gli investitori confortati dai risultati del referendum di ieri.

Intorno alle 14,20 il benchmark europeo FTSEurofirst 300 resta in rialzo dello 0,3% con Madrid e il Dax che salgono dello 0,2% mentre Parigi perde lo 0,2%; la piazza italiana è la peggiore, accusando un ribasso dello 0,6%.

A frenare i listino milanese è, come di consueto, la correzione dei bancari con INTESA SANPAOLO che perde quasi il 2% e UNICREDIT oltre l'1%. Denaro, in controtendenza, su MPS.

Resiste in rialzo CNH Industrial. Equita cita un nuovo accordo di fornitura per la divisione powertrain che avrebbe un "impatto modesto a livello di gruppo ma che permette di aumentare ulteriormente il business non-captive della divisione powertrain (salito dal 33% a 41%)".

** AZIONARIO ITALIANO ** I prezzi delle azioni trattate sul mercato telematico italiano possono essere visualizzati con un doppio click sui seguenti codici ........

Segmento Blue Chip .................. Segmento Standard Classe 1 .......... Segmento Standard Classe 2 ..........   Continua...