PUNTO 1-Tltro Bce, a principali banche italiane assegnato oltre 28% fondi

giovedì 18 settembre 2014 16:20
 

(riscrive, aggiunge dettagli su Pop Sondrio e Veneto Banca, contesto)

di Andrea Mandala' Elvira Pollina

MILANO, 18 settembre (Reuters) - Le principali banche italiane hanno sottoscritto poco più del 28% dei prestiti a medio lungo termine assegnati dalla Bce nella prima Tltro, le operazioni di rifinanziamento a lungo termine finalizzata a riattivare il credito all'economia reale.

Complessivamente Francoforte ha assegnato 82,6 miliardi di finanziamenti, 23,3 dei quali sono stati sottoscritti dai undici principali istituti di credito italiani.

Il dato è stato calcolato da Reuters interpellando i 15 istituti italiani che partecipano all'asset quality review.

Nell'operazione odierna e in quella che si terrà a dicembre le banche hanno la possibilità di ricevere fondi fino al 7% degli affidamenti a famiglie e imprese (mutui esclusi) in essere al 30 aprile 2014: per le banche italiane dunque si parla un potenziale plafond di 75 miliardi.

"In generale, quello che emerge dall'operazione di oggi è una certa cautela da parte delle banche, ma bisogna ricordare che questa operazione si dispiega in due tornate, e molti hanno preferito prendersi un po' di tempo in più", sottolinea Luca Cazzulani, strategist di UniCredit.

Per valutare l'impegno globale delle banche periferiche verso la Bce sarà utile osservare l'importo settimanale dei rimborsi anticipati dei fondi Ltro, i prestiti concessi all'apice della crisi, tra la fine del 2011 e l'inizio 2012.

"Ci aspettiamo che il grosso della domanda di oggi sia arrivato dalla periferia tramite uno switch dei fondi Ltro. Se così fosse, i rimborsi di domani dovrebbero essere più consistenti del solito", spiega Cazzulani.   Continua...