Ilva, da ArcelorMittal lettera intenti non vincolante - fonti

giovedì 14 agosto 2014 18:28
 

BARI, 14 agosto (Reuters) - ArcelorMittal, primo produttore mondiale di acciaio, ha inviato una lettera di intenti non vincolante all'azienda siderurgica Ilva. Lo riferiscono oggi fonti sindacali.

L'Ilva di Taranto è la più grande acciaieria europea. E' stata posta in amminsitrazione straordinaria lo scorso anno dopo che i magistrati hanno sequestrato ai proprietari, la famiglia Riva, 8,1 miliardi di euro nell'ambito di un'inchiesta per disastro ambientale.

"E' arrivata una lettera di intenti, e Arcelor presenterà un piano industriale al governo italiano entro la fine di settembre", ha detto una delle fonti sindacali.

Il Corriere della Sera oggi ha scritto che il governo è favorevole all'ingresso di soci italiani accanto ad ArcelorMittal, aggiungendo però che la lettera di intenti non cita il coinvolgimento di partner italiani.

ArcelorMittal e il commissario straordinario dell'Ilva Piero Gnudi non hanno risposto alla richiesta di un commento.

Il mese scorso il ministro dello Sviluppo Federica Guidi aveva detto che ArcelorMittal < ISPA.AS> era tra le quattro-cinque società internazionali interessate all'Ilva.

Recentemente Federacciai ha detto che lo stabilimento di Taranto perde 60-80 milioni di euro al mese.

Dopo avere confermato di essere stato invitato dal governo a investire nell'azienda italiana, il gigante mondiale dell'acciaio recentemente ha detto che andrà avanti solo se riterrà che l'accordo sia favorevole alla sua attività in Europa e in grado di creare valore.

L'acquisto dell'Ilva darebbe ad ArcelorMittal un maggior controllo sul prezzo dell'acciaio nell'Europa meridionale.   Continua...