Turismo, in calo shopping tra russi, frena crescita spesa cinesi

giovedì 14 agosto 2014 16:56
 

BERLINO, 14 agosto (Reuters) - Nel secondo trimestre la spesa in acquisti tax free nelle principali destinazioni turistiche è scesa per la prima volta dal 2009, con una drastica diminuzione tra i russi per via della debolezza del rublo.

Secondo Global Blue, specialista nel settore dello shopping turistico, tra aprile e giugno le vendite totali in Italia, Francia, Gran Bretagna, Germania e Singapore - che complessivamente ricevono circa tre quarti della spesa globale dei clienti stranieri - sono scese del 3% in valore.

"I cali non sono legati a una riduzione nel numero dei turisti, ma a una diminuzione nella spesa media per transazione", spiega Global Blue in una nota.

La spesa dei russi è scesa del 18%, con l'impatto del rublo debole ampliato dagli effetti della crisi in Ucraina. E' russo circa il 20% dello shopping tax free nel mondo, dice Global Blue.

La spesa degli acquirenti cinesi - a cui si deve il 27% dello shopping tax free mondiale nel 2013, che ne fa la nazione che all'estero spende in assoluto di più - è cresciuta solo del 9% nel trimestre in questione, a fronte di aumenti compresi fra il 30% e il 50% negli ultimi anni.

Le destinazioni più colpite dal fenomeno nel secondo trimestre sono Francia e Germania, con la spesa totale da parte degli stranieri in articoli tax free calata rispettivamente del 5,2% e del 4,5%.

Fraport, che gestisce l'aeroporto di Francoforte, la scorsa settimana ha detto che le sue operazioni retail risentono dell'euro forte, che scoraggia l'acquisto di profumi, cosmetici e articoli di abbigliamento di lusso all'interno dello scalo.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia