Acciaio, Indiana Jsw: acquisto Lucchini non è cosa fatta

mercoledì 13 agosto 2014 18:59
 

NEW DELHI/LONDRA, 13 agosto (Reuters) - E' prematuro l'annuncio del governo italiano che la vendita di una parte delle attività siderurgiche di Lucchini all'indiana JSW Steel JSTL.NS sarà conclusa nel giro di pochi giorni.

Lo ha detto oggi un alto dirigente del produttore di acciaio indiano.

La Lucchini, che era di proprietà della russa Severstal CHMF.MM, è stata dichiarata insolvente nel 2012 e posta sotto amministrazione controllata.

Il premier Matteo Renzi aveva detto domenica che un accordo tra Lucchini e JSW Steel, controllata dal miliardario Sajjan Jindal, si sarebbe concluso "nel giro di pochi giorni".

Tuttavia il direttore esecutivo di JSW, Seshagiri Rao, ha detto che la compagnia deve ancora finalizzare l'accordo, mentre fonti sindacali e industriali dicono che l'opposizione di una importante sigla sindacale alla vendita a spezzatino di Lucchini potrebbe ritardare l'intesa.

"Siamo uno degli offerenti, sì. Ma tutto quello che posso dire al momento è che non abbiamo concluso nulla", ha detto Rao a Mumbai, aggiungendo di non avere in agenda un viaggio in Italia per altri colloqui.

Un portavoce di Lucchini non ha voluto rilasciare commenti.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia