Fondi Ue, Renzi: spenderli in infrastrutture nazionali, scuola

mercoledì 13 agosto 2014 14:35
 

MILANO, 13 agosto (Reuters) - L'Italia intende spendere i fondi strutturali dell'Unione europea in opere di interesse nazionale e nella scuola, invece che in "eventi una tantum" come si è fatto finora.

Lo ha detto oggi il presidente del Consiglio Matteo Renzi in una conferenza stampa al termine della visita al cantiere dell'Expo a Rho, alle porte di Milano.

"C'è un problema di fondi strutturali... ma è accaduto che da Palazzo Chigi si è iniziato a togliere alle Regioni che non spendono (i fondi Ue a disposizione) e a metterli sulla scuola. Spendere meglio i fondi europei è un obiettivo di questo governo", ha detto il premier.

"Negli ultimi decenni l'Italia li ha spesi decisamente peggio di come avrebbe dovuto. Il nostro governo cercherà di cambiare modello, cercando di dare più denaro per investimenti infrastrutturali che interessano tutto il Paese, meno per eventi una tantum".

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Delrio, che ha la delega per le politiche di coesione, ha detto oggi che intende siglare a settembre con la Commissione europea l'accordo di partenariato 2014-2020, che sbloccherà 40 miliardi di fondi Ue nei sei anni.

(Ilaria Polleschi)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia