Weidmann: tocca a governi trovare strada per crescita non a Bce

mercoledì 13 agosto 2014 10:41
 

PARIGI, 13 agosto (Reuters) - Spetta a ciascun governo dell'eurozona adottare le misure necessarie internamente per la crescita mentre la politica monetaria non dovrebbe puntare a un indebolimento dell'euro per stimolare la competitività.

Lo ha detto il presidente della Bundesbank e membro della Bce Jens Weidmann respingendo le richieste della Francia per un maggior impegno della Germania e della Bce per crescita e competitività.

Weidmann, in una intervista a Le Monde, ha anche detto che l'eurozona non si trova in una spirale deflazionistica e che la ripresa è debole ma inflazione e crescita emergeranno gradualmente.

Al presidente della Bundesbank è stato chiesto anche di commentare le perplessità della banca centrale tedesca riguardo al prospettato intervento della Bce in acquisto di titoli di debito sovrano. Secondo Weidmann per mantenere la stabilità dei prezzi è importante aderire strettamente al mandato dell'Eurosistema.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia