E.On Italia, attese offerte da utilities italiane e private equity-fonti

venerdì 8 agosto 2014 18:49
 

FRANCOFORTE/MILANO/LONDRA, 8 agosto (Reuters) - Diverse utilities italiane e società di private equity dovrebbero presentare offerte preliminari del valore di circa 2 miliardi di euro per la divisione italiana di E.On all'inizio della prossima settimana.

Lo dicono alcune fonti vicine alla situazione a Reuters.

Tra coloro che dovrebbero presentare un'offerta le fonti indicano Edison, del gruppo francese Edf, così come Acea, Erg e alcune utilities del Veneto e del Trentino. A queste si aggiungeranno, entro la scadenza prevista di lunedì 11 agosto, le società di private equity Terra Firma, KKR e First Reserve.

Una delle fonti afferma che anche GDF Suez è interessata agli asset italiani di E.On e sta cercando gli adviser anche se non è chiaro ancora se sarà tra quelli che presenteranno un'offerta.

L'asta per la vendita di E.On Italia era prevista inizialmente per il secondo trimestre ma poi ha subito ritardi a causa delle difficoltà del mercato degli asset energetici in Europa. E.On punta a vendere gli asset italiani per un prezzo fino a 3 miliardi di euro, mentre gli offerenti propongono un prezzo intorno ai 2 miliardi, secondo le fonti.

Sia E.On sia i potenziali offerenti non hanno commentato. Edison e Acea non sono stati rintracciabili per un commento.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia