Alitalia, rischio astensione in massa a Fiumicino contro Etihad

giovedì 7 agosto 2014 18:25
 

ROMA, 7 agosto (Reuters) - L'aeroporto di Fiumicino rischia di essere messo in ginocchio da un'ondata di certificati medici in violazione delle norme sugli scioperi, rende noto l'Autorità di garanzia per gli scioperi che minaccia il ricorso alla magistratura.

"Alitalia ha comunicato oggi che, nel prossimo fine settimana, vi sarebbe l'altissimo rischio che gran parte del personale tecnico di Alitalia, in servizio presso l'Aeroporto di Fiumicino, possa astenersi, in massa, dal lavoro, presentando certificati medici", si legge nella nota.

"Si tratterebbe di un vero e proprio 'attentato' ai diritti dei cittadini-utenti, in sfregio alla legge che disciplina l'esercizio del diritto di sciopero", dice l'Autorità, aggiungendo che "segnalerà ogni abuso alla Procura della Repubblica per gli eventuali seguiti di competenza".

Il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi ha commentato: "Se tutto ciò fosse vero non sarebbe accettabile né tollerabile. Ho chiesto al ministro della Salute di attivarsi per provvedere a tutti i controlli del caso".

La protesta, che riguarda soprattutto il personale addetto allo smistamento dei bagagli, arriva mentre si attende per domani la firma dell'accordo tra Alitalia ed Etihad che comporta l'uscita di circa 2.000 addetti dal gruppo italiano.

Un sindacalista, che ha preferito non farsi citare, dice che "c'è grande fermento perchè gli addetti ai bagagli non pensavano di rientrare negli esuberi".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia