Borsa Milano debole in avvio su tensioni Ucraina, Telecom in lettera dopo conti

mercoledì 6 agosto 2014 09:17
 

MILANO, 6 agosto (Reuters) - Piazza Affari parte debole in linea con gli altri mercati europei sulla scia del nuovo deterioramento della situazione in Ucraina che ha già innescato un'ondata di vendite a Wall Street e in Asia.

Nelle prime battute l'indice FTSE Mib cede lo 0,90%, mentre l'Allshare cede lo 0,84%. In linea Londra, Francoforte e Parigi.

TELECOM ITALIA cede quasi il 2% nelle prime battute, poi però risale fino a -0,5%, dopo aver annunciato i conti del semestre e che saranno approfondite le opzioni strategiche in Brasile.

"I dati del trimestre sono inferiori alle nostre attese che incorporavano una migliore tenuta della redditività delle attività domestiche", commenta Stefano Vulpiani di Icbpi nel daily report odierno.

Si muove in netta controtendenza PIRELLI che sale di oltre 2% dopo i conti del semestre e la conferma della guidance sul 2014.

Deboli i bancari con l'indice di settore che cede lo 0,51%, tra gli altri titoli spiccano le vendite su ATLANTIA.

SALINI IMPREGILO soffre dopo i conti del semestre.

BIANCAMANO sale di oltre il 2% sulla notizia di una nuova commessa da 4 milioni di euro.

Debutto positivo sull'Aim per TECNOINVESTIMENTI, mentre l'altra matricola GO INTERNET è piatta.   Continua...