Borsa Milano in calo, Gtech e Atlantia in asta dopo calo oltre 4%

venerdì 1 agosto 2014 12:41
 

MILANO, 1 agosto (Reuters) - Piazza Affari cede oltre l'1%, in linea con le altre borse europee, risentendo dei non brillanti dati macroeconomici europei e delle tensioni geopolitiche in Ucraina e Medio Oriente.

Un trader inoltre mette in evidenza un certo allontanamento degli investitori dall'Italia, in attesa di vedere segnali più concreti sul fronte delle riforme e dei risultati.

In realtà il trend negativo accomuna tutte le borse europee e Wall Street ieri ha chiuso in calo.

Anche sul fronte obbligazionario, c'è un po' di pressione. Lo spread è infatti salito fino a 158 punti base dalla chiusura di ieri a 153.

Intorno alle 12,30 l'indice Ftse Mib cede l'1,36%, mentre l'All Share perde l'1,39%. Volumi per un controvalore di 1,2 miliardi di euro. Il benchmark europeo FTSEurofirst 300 perde l'1,46%.

Tra i pochi titoli positivi del listino principale, c'è TOD'S, con un rialzo dell'1%, seguita a breve distanza da GENERALI. Un broker mette in evidenza come i risultati della compagnia assicurativa del secondo trimestre siano stati migliori delle attese a livello operativo e come le indicazioni sul dividendo, con un payout che potrà superare il 40%, siano una buona notizia.

Positiva anche UBI, mentre gli altri bancari sono negativi.

GTECH è in asta di volatilità, dopo aver segnato un ribasso del 4,94%, nonostante i risultati giudicati favorevolmente dagli analisti.

Anche ATLANTIA è entrata in asta dopo un ribasso del 4,59%, nel giorno della trimestrale. Banca Akros, che si aspetta buoni risultati, ha tagliato la raccomandazione sul titolo a 'hold' da 'accumulate' per il limitato upside sul prezzo.   Continua...