RPT-GTech in calo, broker positivi sui conti, occhi su deal Igt

venerdì 1 agosto 2014 11:13
 

(Aggiusta refuso nel titolo)

MILANO, 1 agosto (Reuters) - GTech soffre in borsa in un mercato debole all'indomani dei risultati trimestrali che pure sono giudicati favorevolmente dagli analisti.

A condizionare l'andamento del titolo, dice un trader, sono le speculazioni sul valore del recesso che dovrà essere definito in vista dell'assemblea di settembre sulla fusione con Igt e il downgrade di un broker estero legato proprio alle valutazioni su questa operazione.

Intorno alle 11 il titolo cede 3,8% a 17,32 euro, con volumi superiori alla media, in un mercato in calo dell'1%.

"I risultati semestrali sono nel complesso un po' meglio delle nostre attese e il management ha confermato le guidance di fine anno. Manteniamo invariate le nostre stime e conserviamo un atteggiamento positivo in attesa di altri dettagli sull'esecuzione dell'operazione Igt", commenta Esn/Banca Akros in una nota.

Anche un altro analista, che preferisce non essere citato, parla di numeri positivi e di indicazioni confortanti anche sulle prospettivie dei ricavi in Italia, per cui non trova motivi legati ai fondamentali che possano giustificare il calo in borsa.

Il 16 luglio il gruppo, leader nel mondo nel settore delle lotterie, ha annunciato un accordo per rilevare il gigante Usa dello slot machine Igt. L'operazione, che dovrebbe chiudersi entro il primo semestre del 2015, dovrà essere votata dagli azionisti delle due società. Agli azionisti GTech contrari spetterà il diritto di recesso. GTech può, per parte sua, decidere di recedere dall'accordo di fusione e di non perfezionare la transazione nel caso in cui venga esercitato il diritto di recesso su oltre il 20% del proprio capitale.

"Il diritto di recesso, pari alla media dei sei mesi precedenti l'assemblea di settembre, si aggirerebbe oggi intorno ai 20 euro; in quest'ottica il titolo sarebbe un buy", dice un trader.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia