Zona euro, Pmi manifattura finale luglio a 51,8 (da 51,9 flash)- Markit

venerdì 1 agosto 2014 10:15
 

LONDRA, 1 agosto (Reuters) - Non c'è stata l'accelerazione prevista per la manifattura della zona euro in luglio, in un clima appesantito dalle crescenti tensioni in Ucraina.

L'indice finale del Pmi a cura di Markit si è fermato a 51,8, come nel mese di giugno, sotto la lettura preliminare di 51,9.

La produzione è scesa a 52,7 da 52,8 del mese prima, anche in questo caso sotto il dato preliminare di luglio di 53,0.

Il settore manifatturiero è cresciuto in Germania, la prima economia europea, ma è sceso sui minimi da sette mesi in Francia e ha rallentato la crescita in Spagna e Italia.

"La situazione nella zona euro è chiaramente peggiorata rispetto ai segni promettenti di ripresa economica visti nella prima parte dell'anno", ha commentato Chris Williamson, capo economista di Markit. Williamson ha spiegato il peggioramento rispetto ai dati flash con "le crescenti preoccupazioni legate all'escalation della crisi in Ucraina".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia