RPT-BORSE ASIA-PACIFICO - Indici in calo su Wall Street, ma economia Cina tonica

venerdì 1 agosto 2014 08:54
 

(Aggiusta refuso in ultimo paragrafo)

 INDICE                          ORE 8,30    VAR %   CHIUS. 2013
 MSCI ASIA-PAC.                      503,83   -1,11       468,16
 TOKYO                            15.523,11   -0,63    16.291,31
 HONG KONG                        24.586,42   -0,69    22.656,92
 SINGAPORE                         3.343,21   -0,94     3.167,43
 TAIWAN                            9.266,51   -0,53     8.611,51
 SEUL                               2.073,1   -0,15     2.011,34
 SHANGHAI COMP                     2.191,78   -0,46    2.115,978
 SYDNEY                             5.554,5   -1,39    5.352,214
 MUMBAI                           25.783,25   -0,43    21.170,68
    1 agosto (Reuters) - Le borse dell'area Asia-Pacifico sono
perlopiù in territorio negativo dopo la brusca flessione di Wall
Street, malgrado l'aumento superiore alle attese degli indici
della manifattura cinese abbia aiutato i mercati cinesi a
conservare i massimi da sette mesi.
    Intorno alle 8,40 italiane l'indice Msci dell'area
Asia-Pacifico, che non comprende Tokyo, scende
dell'1,1%.
    HONG KONG si avvia alla prima chiusura in calo in nove
sedute, influenzata dal sentiment negativo di Wall Street. Prada
 segna -1,08%. Sotto tono anche SHANGHAI, anche se due
indici Pmi hanno mostrato gli ordini della manifattura cinese a
luglio in crescita ai massimi da almeno un anno e mezzo. 
    SINGAPORE è in calo dopo il rally di ieri. In evidenza 
United Overseas Bank, che ha perso quasi il 4% dopo
avere annunciato di avere raddoppiato i crediti in sofferenza
nel primo trimestre. 
    SEUL ha terminato in perdita in una seduta dominata dalle
prese di profitto, dopo che il principale indice aveva messo a
segno un rally lungo quattro giorni.
    SYDNEY ha chiuso in calo sul timore che la Fed possa
iniziare il giro di vite sui tassi prima del previsto e gli
investitori sono cauti prima dei dati sugli occupati non
agricoli Usa attese più tardi.
    
    
Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia