31 luglio 2014 / 09:45 / 3 anni fa

PUNTO 1-Rinnovabili, accordo tra Edison, EdF Energies Nouvelles e F2i

(Aggiunge fonte su dettagli, background)

MILANO, 31 luglio (Reuters) - F2i, Edison ed EdF Energies Nouvelles hanno raggiunto un accordo per la creazione del terzo operatore nel settore delle energie rinnovabili in Italia, che controllerà circa 600 megawatt di capacità dopo un accorpamento degli impianti di Edison Energie Speciali e di parte degli impianti di EdF EN Italia.

Una nota precisa che l'operazione prevede la costituzione di una nuova società i cui azionisti saranno F2i, con una quota del 70%, e una holding partecipata da Edison ed EdF Energies Nouvelles, per la rimanente parte del 30%, con Edison che deterrà l'83% della holding e EdF Energies Nouvelles il 17%.

La firma dell'accordo era stata anticipata a Reuters da diverse fonti due giorni fa.

Il closing dell'operazione è previsto entro la fine dell'anno.

Banca Imi ha svolto il ruolo di financial advisor di F2i.

Edison è stata affiancata da Lazard e Morgan Stanley.

La valorizzazione del 100% degli asset conferiti nella newco (che ha assunto la denominazione, probabilmente temporanea, di AssetCo) non è stata resa nota. Come anticipato da una fonte l'altro giorno, il controvalore dell'operazione si aggira attorno ai 450 milioni di euro.

Contestualmente, prosegue il comunicato odierno, verrà costituita una nuova società del gruppo EdF, che fornirà i servizi di Operation & Maintenance al nuovo polo dell'energia.

Il business model dell'operazione è innovativo: "Edison ritirerà a prezzo fisso tutta l'energia prodotta dal nuovo polo delle rinnovabili, ottimizzandola con il portafoglio produttivo, mentre la management company svolgerà l'attività di O&M degli impianti. Questo approccio permetterà di beneficiare delle competenze industriali e operative già esistenti e ridurrà i rischi di mercato e operativi della nuova società".

In base ai principi contabili e alla governance definita, Edison consoliderà integralmente il nuovo polo delle rinnovabili, con un impatto positivo sulla posizione finanziaria netta e sulla leva.

Il business model, dice una fonte vicina all'operazione, "potrebbe essere replicato con altri operatori". Il nuovo polo F2i-Edison, infatti, "si pone come aggregatore nel settore".

Le rinnovabili sono in fermento, anche per effetto degli interventi governativi sugli incentivi. E diversi dossier sono sui tavoli dei soggetti che vogliono crescere.

In particolare, secondo diverse fonti, è in pieno svolgimento l'iter per la cessione degli asset italiani da parte di E.On. E le rinnovabili del gruppo tedesco sarebbero nel mirino, fra gli altri (in particolare, in corsa ci sono i fondi infrastrutturali che avevano guardato anche alla partnership con Edison, come Terra Firma), del nuovo polo F2i-Edison.

Gli abbonati Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below