Trevi, Fsi entra in Trevi Finanziaria con quota minoranza

giovedì 31 luglio 2014 10:09
 

MILANO, 31 luglio (Reuters) - Fondo strategico italiano e Trevi Holding hanno raggiunto un accordo che prevede l'ingresso di Fsi con una quota di minoranza, non inferiore al 15,8%, nel capitale di Trevi Finanziaria industriale.

Una nota precisa che, in base all'accordo, Th e Davide Trevisani trasferiranno a Fsi una parte dei diritti di opzione a loro spettanti dopo l'aumento di capitale di Trevifin per un importo massimo complessivo di 200 milioni di euro.

"Fsi si è impegnata a effettuare un investimento complessivo in Trevifin fino a circa 101 milioni di cui, una parte, quale corrispettivo per l'acquisto dei diritti di opzione e la restante parte per l'esercizio dei diritti di opzione e la conseguente sottoscrizione delle azioni Trevifin di nuova emissione", si legge nella nota.

All'esito dell'operazione, ipotizzando la totale sottoscrizione di un aumento di capitale massimo di 200 milioni, Fsi deterrebbe una partecipazione in Trevifin non inferiore al 15,8%, mentre TH e Trevisani sarebbero complessivamente titolari di partecipazioni rappresentative al massimo del 34,8%.

Gli abbonati Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia