Eni utile netto adj trim2 a 0,87 mld sotto consensus, bene G&P, pesa Libia

giovedì 31 luglio 2014 07:58
 

MILANO, 31 luglio (Reuters) - Eni ha chiuso il secondo trimestre del 2014 con un utile netto adjusted (senza le componenti straordinarie) di 0,87 miliardi di euro, in crescita del 50,7% rispetto allo stesso periodo 2013, ma ben sotto il consensus da un sondaggio Reuters che indicava una media di 1,012 miliardi.

L'utile operativo adjusted si attesta a 2,73 miliardi, in salita del 39,3%. Questi risultati, spiega una nota, si confrontano con le perdite straordinarie registrate dalla controllata Saipem lo scorso anno per 680 milioni e sono frutto sia della ripresa del settore Gas and Power, tornato in utile operativo per 70 milioni a seguito dei benifici per le rinegoziazioni dei contratti take or pay a lungo termine, sia di quello di ingegneristica e costruzioni. In contrazione, invece, i risultati del settore Exploration and Production penalizzate da fattori geopolitici in Libia. Peggiora il rosso del settore refining and marketing.

Quanto alla cedola interim, la proposta è di 0,56 euro (0,55 euro nel primo semestre 2013) per azione da mettere in pagamento il 25 settembre con stacco cedola il 22 dello stesso mese.

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia