PUNTO 1-Finmeccanica, procura Busto archivia procedimento su fornitura elicotteri India

martedì 29 luglio 2014 19:06
 

(Aggiorna con fonte vicina al dossier)

ROMA, 29 luglio (Reuters) - La Procura di Busto Arsizio ha disposto l'archiviazione del procedimento nei confronti di Finmeccanica in merito alla fornitura di 12 elicotteri AW101 VVIP al governo indiano, oggetto di accordi del 2010.

Lo rende noto la società della difesa, spiegando che la Procura ha riconosciuto, "da un lato, l'estraneità di Finmeccanica rispetto ai fatti contestati e, dall'altro, che Finmeccanica, sin dal 2003, ha adottato - e, successivamente, costantemente aggiornato - un modello di organizzazione, gestione e controllo idoneo a prevenire reati della stessa specie di quello contestato, rivolgendo grande attenzione anche agli aspetti di compliance, al fine di garantire adeguati standard di correttezza ed eticità".

La nota annuncia anche che AgustaWestland e la sua filiale inglese AgustaWestland Ltd., insieme con il pubblico ministero, hanno deciso di chiedere l'applicazione di sanzioni pecuniarie limitate nei propri confronti, "confermando anch'esse l'efficacia dei rispettivi sistemi di controllo e la sostanziale estraneità nei confronti dei fatti ipotizzati di corruzione contestati dalla Procura".

"Resta quindi esclusa qualsiasi ammissione di addebito da parte delle due aziende", precisa la nota.

Secondo fonti a conoscenza del dossier Agusta ha chiesto un patteggiamento - che non costituisce ammissione di responsabilità - e sulla richiesta il pm ha dato parere favorevole. Tocca ora al gip decidere se accoglierla.

Il comunicato conclude che "le due società hanno assunto tale decisione in funzione della radicale riorganizzazione del Gruppo Finmeccanica, sulla base della volontà di concentrarsi sulle attività di impresa e cogliere appieno tutte le potenzialità del mercato".

Per una lettura integrale del comunicato i clienti Reuters possono fare doppio click su:

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia