Poste avverte governo in vista Ipo che servizio universale è insostenibile

martedì 29 luglio 2014 18:31
 

ROMA, 29 luglio (Reuters) - In vista della privatizzazione, Poste italiane avverte il governo che il servizio postale universale non è più sostenibile e richiede un'attenta revisione del suo contenuto e delle misure economiche necessarie al suo finanziamento.

In una nota il gruppo controllato al 100% dal ministero dell'Economia dice di aver certificato che, tra 2011 e 2012, l'onere per la fornitura del servizio universale è stato praticamente il doppio di quanto riconosciuto dall'Autorità per le comunicazioni.

Poste parla infatti di costi per 709 milioni nel 2011 e 704 milioni nel 2012. L'Autorità ha riconosciuto un onere pari rispettivamente a 380 e a 320 milioni di euro.

"Tali ampie differenze, soprattutto alla luce del progetto di privatizzazione del gruppo, mostrano quanto sia urgente procedere all'adozione di misure di contenimento dell'onere del servizio universale che non possono che transitare attraverso una revisione delle modalità di fornitura del servizio stesso per renderlo più efficiente, più in linea con i bisogni del Paese e con le risorse economiche disponibili per il suo finanziamento", si legge nella nota.

Il governo vuole raccogliere fino a 4,8 miliardi vendendo il 40% di Poste. L'operazione dovrebbe andare in porto dopo novembre 2014 e, più probabilmente, nel 2015.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia