Forex, euro debole su dlr su buoni dati Usa e inflazione zona euro

giovedì 31 luglio 2014 11:28
 

LONDRA, 31 luglio (Reuters) - L'euro rimane sotto pressione
nei confronti del dollaro, anche se non subisce particolari
vendite dopo la pubblicazione del preliminare di luglio sui
prezzi nella zona euro.
    L'inflazione della zona euro, contrariamente alle attese per
un dato invariato, è scesa ulteriormente allo 0,4%, ai livelli
più bassi da quasi 5 anni. È un dato che rievoca i
timori di deflazione per la regione, mai del tutto sopiti
nonostante l'intervento di giugno della Bce, e alimenta la
speculazione per nuove mosse espansive di Francoforte.
    Dopo il dato l'euro/dollaro si è riavvicinato al minimo
intraday di 1,3386 toccato ad inizio mattinata, per poi
riportarsi poco dopo di nuovo in vista di quota 1,34.
    Ma già da ieri l'euro risulta sotto pressione nei confronti
di un dollaro, sui minimi da otto mesi. Il biglietto verde ha
beneficiato dell'ottimo dato relativo al Pil Usa del secondo
trimestre e non ha trovato motivi per una significativa frenata
nei toni complessivamente bilanciati usati ieri dalla Fed nel
comunicato diffuso al termine del meeting del Fomc.
    I movimenti sul mercato valutario rimangono comunque nel
complesso contenuti in attesa dei numeri di domani sul mercato
del lavoro Usa in luglio.
    "Il mercato è corso un po' avanti: non ci sarà nessun rialzo
dei tassi da parte della Fed nella prima metà del 2015", spiega
lo strategist di Credit Agricole Adam Myers. "Basterebbe un dato
un po' debole domani sui payroll per vedere un ritracciamento
del dollaro".
                         
                             ORE 11,25               CHIUSURA
 EURO/DOLLARO         1,3394/96                 1,3396  
 DOLLARO/YEN          102,78/80                 102,78  
 EURO/YEN          137,69/70                 136,72 
 EURO/STERLINA     0,7937/38                 0,7912   
 ORO SPOT         1.296,00/6,20          1.294,70/5,40  
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia