Saipem sugli scudi accesa da nuove speculazioni su disimpegno Eni

martedì 22 luglio 2014 10:53
 

MILANO, 22 luglio (Reuters) - Deciso rialzo in borsa per Saipem sull'onda di nuove indiscrezioni sulla possibile cessione della quota di controllo in mano a Eni .

Secondo il Sole24Ore, infatti, in occasione dell'aggiornamento del piano di Eni a fine mese potrebbe essere svelato il destino di Saipem, per la quale sarebbero già stati sondati Rosneft, Subsea7 e Seadrill.

"La notizia aggiunge appeal speculativo al titolo, che sui fondamentali riteniamo abbia upside potenziale a questi prezzi", commenta in una nota Icbpi.

Intorno alle 10,45 Saipem sale del 3,76% a 19,01 euro con volumi sopra la media in un mercato moderatamente positivo . Eni sale dello 0,57%.

"Il 43% di Saipem vale 3,5 miliardi di euro a prezzi di mercato", sottolinea Icbpi. "Il 90% dei debiti di Saipem sono nei confronti della controllante. In caso di cessione, circa 4 miliardi di debito andrebbero totalmente rifinanziati, con un aggravio in termini di maggiori costi di funding di almeno 40-50 milioni all'anno".

Per Saipem comunque, prosegue l'analista, "l'indipendenza dall'Eni potrebbe rappresentare un vantaggio, poiché la maggior parte dei clienti del gruppo di ingegneria ed impiantistica è rappresentata da concorrenti di Eni, che vedrebbero di buon occhio una separazione proprietaria. Dal punto di vista operativo, la quota parte del business di Saipem generata da Eni, stimabile in circa il 10-20% del totale, non verrebbe necessariamente meno in caso di cessione".

Esn/Banca Akros non scommette sul fatto che il 31 luglio ci saranno annunci sulla società, ma "prima o poi pensiamo che Eni debba affrontare la situazione di Saipem, che conta per oltre un terzo sul debito della controllante e dà un contributo all'Ebit limitato a circa il 5%".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia