Appello Ruby, decisione giudici attesa per le ore 13

venerdì 18 luglio 2014 10:47
 

MILANO, 18 luglio (Reuters) - E' attesa intorno alle 13 la decisione dei giudici della seconda corte d'appello nel cosiddetto "caso Ruby", che vede imputato l'ex-premier Silvio Berlusconi per concussione e prostituzione minorile.

I giudici potrebbero già arrivare a sentenza oppure disporre l'apertura di una nuova fase dibattimentale, come richiesto in prima battuta dalla difesa di Berlusconi. Il procuratore generale ha chiesto la conferma della condanna, mentre gli avvocati difensori hanno invocato l'assoluzione piena.

Nel giugno dello scorso anno, l'ex-presidente del Consiglio è stato condannato in primo grado a sette anni di reclusione e all'interdizione perpetua dai pubblici uffici con l'accusa di aver fatto pressioni sulla Questura di Milano la notte del 27 maggio 2010, da premier, per far rilasciare Karima el Mahroug, detta Ruby, e occultare la sua presunta relazione con la ragazza, all'epoca minorenne.

Berlusconi ha sempre respinto entrambe le accuse.

Questo processo ha un'importanza cruciale per il destino politico del leader di Forza Italia perché, in caso di conferma della condanna in appello e anche in Cassazione, l'ex premier perderebbe il beneficio dell'indulto di cui gode per la condanna definitiva sui diritti tv Mediaset e dovrebbe scontare una pena complessiva di 10 anni, con lo spettro della detenzione domiciliare e non più dell'affidamento ai servizi sociali.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia