Bce, determinanti Tltro e misure allo studio su ABS - Squinzi

giovedì 17 luglio 2014 14:20
 

MILANO, 17 luglio (Reuters) - Le recenti misure varate dalla Bce sui finanziamenti a lungo termine delle banche finalizzati alla concessione di prestiti alle imprese, denominati Tltro, sono "determinanti" per sostenere il mercato del credito e trascinare la ripresa dell'economia.

Lo ha detto il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, nel corso del suo intervento in occasione dell'accordo siglato oggi tra Intesa Sanpaolo e l'associazione industriale su un plafond di 10 miliardi per le Pmi. "Oltre l'ulteriore taglio dei tassi ufficiali, riteniamo di particolare rilievo la nuova operazione di rifinanziamento a lungo termine delle banche mirata alla concessione di prestiti alle imprese, che si avvierà a settembre e si svolgerà nell'arco di due anni", ha detto Squinzi.

Allo stesso tempo, "riteniamo importante che la Bce realizzi anche l'altra misura allo studio relativa all'acquisto di titoli Abs", ha aggiunto Squinzi.

Su questo punto, specifica il presidente di Confindustria, "nonostante non sia ancora chiara la tempistica della misura, appare ormai certo che la Bce sia intenzionata a rivitalizzare il mercato delle cartolarizzazioni, passaggio di particolare importanza per sostenere il mercato del credito".

In precedenza lo stesso Ceo di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, ha detto che il gruppo ha intenzione di ricorrere agli Tltro della Bce per 13 miliardi di euro in modo da intensificare gli sforzi già intrapresi nel finanziamento alle imprese.

Nei giorni scorsi, intervenendo all'assemblea dell'ABI, il governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, ha detto che le banche italiane potranno attingere oltre 200 miliardi dai nuovi finanziamenti Tltro della Bce con un effetto positivo sull'economia compreso tra 0,5 e 1 punto di Pil in più entro il 2016.

(Andrea Mandalà)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia