Telecom debole dopo balzo ieri e prospettiva riduzione quota Telefonica

giovedì 17 luglio 2014 10:43
 

MILANO, 17 luglio (Reuters) - Dopo il balzo della vigilia Telecom Italia è oggi la peggiore tra le blue chip italiane, condizionata anche dall'annuncio di Telefonica , ieri a mercati chiusi, di voler scendere sotto il 10% del capitale attravero un bond convertendo in azioni Telecom.

Una mossa che gli analisti collegano principalmente ai problemi di antitrust in Brasile.

In un generale movimento di storno del mercato, che vale ancor più per il gruppo di tlc salito ieri del 7,5%, Telecom scende alle 10,30 del 3% a 0,8805 euro.

Qualche trader associa la debolezza di oggi, oltre che ai realizzi, anche alle indiscrezioni stampa sulle difficoltà che starebbe incontrando il progetto di fusione tra Wind e 3, ipotesi che ieri aveva messo le ali al titolo.

Tornando all'operazione annunciata ieri dal colosso spagnolo, Icbpi ritiene che rappresenti "un altro passo per il ridimensionamento della presenza di Telefonica nell'azionariato di Telecom dopo la cessione della quota di convertendo Telecom Italia effettuata lo scorso mese". "La mossa è finalizzata, probabilmente, a sostenere una modifica dei vincoli attualmente previsti dal CADE (antitrust brasiliano) che impongono all'ex monopolista spagnolo di uscire da Telco o di ridurre la partecipazione in Vivo entro giugno 2015. Per Telecom Italia, invece, la diluizione a termine della quota di Telefonica conferma la progressiva evoluzione di struttura di controllo e governance verso il modello di public company, con potenziale appeal speculativo per titolo", conclude il broker.

Esn/Banca Akros sottolinea che, con questa operazione, Telefonica tornerà alla situazione precedente gli utlimi accordi con gli altri soci di Telco, quando deteneva il 46% della holding, "in linea con le condizioni imposte dall'Antitrust brasiliano".

"La possibile riduzione della quota di Telefonica non arriva in realtà come una sorpresa. La via scelta dà più flessibilità e riduce l'overhang (la minaccia di un eccesso di titoli offerti sul mercato) sul titolo Telecom", sostiene l'analista.

Ed è proprio il rischio di overhang uno dei fattori citati dai broker come possibile minaccia per le quotazioni di Telecom se la mossa di Telefonica dovesse dimostrarsi solo l'inizio di un generale disimpegno del gruppo nella società italiana.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia