16 luglio 2014 / 17:04 / 3 anni fa

PUNTO 2-Alitalia-Etihad, Cgil non firmerà accordo quadro su esuberi

(Aggiunge dichiarazioni Del Torchio in coda)

di Alberto Sisto

ROMA, 16 luglio (Reuters) - La Cgil fa sapere che non firmerà l‘intesa, fra sindacati e azienda, del 12 luglio che prevede il licenziamento di circa 1.000 dipendenti di Alitalia in vista dell‘ingresso del vettore emiratino Etihad nel capitale della compagnia aerea italiana.

La mancata firma del sindacato guidato da Susanna Camusso, secondo quanto detto dal ministro dei Trasporti Maurizio Lupi, non dovrebbe avere conseguenze pratiche dato che i sindacati che rappresentano la maggioranza dei dipendenti hanno dato il loro assenso.

Ma intanto Lupi sta raccogliendo al tavolo del ministero un malumore crescente da parte dei sindacati che hanno incominciato a mettere giù pregiudiziali.

Una delle divergenze maggiori riguarda l‘introduzione del contratto nazionale di lavoro per il settore, fortemente voluto da Cisl e Cgil, una sorta di compensazione per i licenziamenti e il contributo di solidarietà d circa 30 milioni che i lavoratori verseranno nel secondo semestre.

Ma il nuovo Ccnl è altrettanto fortemente osteggiato dalla Uil e dalle associazioni professionali: comporterebbe l‘introduzione delle regole sulla rappresentanza che darebbero la preminenza ai sindacati confederali a discapito delle associazioni di piloti ed assistenti di volo.

Altri sindacati, lamentano lo scambio licenziamenti contro salario.

Certamente l‘assenza di una intesa non bloccherebbe l‘eventuale procedura di mobilità ma molto probabilmente la rallenterebbe.

DOCCIA FREDDA

La doccia fredda è arrivata in chiusura di una giornata tutta all‘insegna dell‘ottimismo e a poche ore dal cocktail che l‘amministratore delegato di Etihad James Hogan offrirà stasera a Roma ad una nutrita platea di personalità per festeggiare il nuovo volo diretto Roma-Abu Dhabi.

Nella conferenza stampa di stamattina Hogan si è detto soddisfatto dell‘andamento della trattativa per l‘acquisto del 49% di Alitalia, ed è apparso molto determinato a raggiungere l‘obiettivo alle proprie condizioni.

Hogan vuole un “brand Alitalia rivitalizzato e un‘azienda ridimensionata per mantenere un equilibrio economico di lungo periodo”.

Proprio le cose che la Cgil ha contestato nella sua risposta a governo ed azienda.

Anche l‘Ad della compagnia italiana Gabriele Del Torchio, dopo l‘incontro con il numero uno di Etihad, ha detto che con le banche debitrici è stato trovato un accordo - “sono tutte allineate” - e che si aspetta un atteggiamento responsabile da parte di tutti.

La Camusso ha comunicato la propria posizione in una lettera inviata a Lupi nel pomeriggio: “La Cgil e la Filt confermano la non sottoscrizione dell‘intesa così come si è determinata il 12 luglio 2014”.

La decisione viene spiegata con “l‘incomprensibile posizione dell‘azienda Cai che ha respinto qualsiasi mediazione utile ad evitare la messa in mobilità e i licenziamenti, rifiutando la proposta, ritenuta percorribile anche dal ministero del Lavoro, di utilizzo della Cigs per accompagnare lo sviluppo del piano industriale”.

Nella lettera la Cgil ribadisce che quello di Etihad “è un piano molto prudente che però si muove, a differenza di quello targato Air France, nella direzione giusta: più qualità e più rotte intercontinentali”.

Hogan questa mattina ha ricordato che ci sono ancora due settimane per poter chiudere: un tempo abissale nella pratica dei sindacati italiani. Che cerca sempre di chiudere all‘ultimo momento.

CE LO ASPETTAVAMO

Il no della Cgil pare non essere stato accolto con sorpresa in Alitalia: “Sinceramente me l‘aspettavo, era nella logica delle cose”, ha commentato Del Torchio in serata a margine dell‘aperitivo organizzato da Etihad.

“Se non altro c‘è un fatto positivo perché hanno detto che firmeranno il contratto nazionale. Abbiamo fatto una trattativa complessa passo a passo: dovevamo allineare le banche, dovevamo allineare i sindacati e dovevamo allineare le Poste. Senza buon senso non si va da nessuna parte e c‘è un epilogo drammatico. Abbiamo fatto comunque dei passi in avanti: abbiamo ridotto il numero dei licenziamenti, ci siamo offerti di ricollocare personale... tutto quello che potevamo fare”.

L‘Ad di Alitalia ammette che permane “un problema politico delicato di rappresentanza sindacale [sul nuovo contratto collettivo nazionale del settore], ma va affrontato con un sano pragmatismo”.

Alla domanda come abbia accolto Hogan le ultime svolte sindacali Del Torchio ha risposto: “Non è abituato a queste dinamiche, ma è un uomo di mondo e le capisce anche lui”.

Questa sera riprendono le trattative al ministero fra governo, sindacati e azienda.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below