Borse europee positive dopo dati Cina, minerari sugli scudi

mercoledì 16 luglio 2014 10:03
 

INDICI                           ORE  9,55   VAR %   CHIUS. 2013
 EUROSTOXX50                        3172,44    0,59   3019
 FTSEUROFIRST300                    1365,63    0,54   1316,39
 STOXX BANCHE                        190,16    0,46    194,21
 STOXX OIL&GAS                       362,72    0,87    335
 STOXX ASSICURAZIONI                 232,5     0,7     228,22
 STOXX AUTO                          511,94    0,37    481,95
 STOXX TLC                           296,5     0,69    297,6
 STOXX TECH                          278,02    0,22    290,51
   
16 luglio (Reuters) - Andamento positivo per le borse europee,
spinte dalla crescita superiore alle attese del Pil cinese.
    L'indice FTSEurofirst 300 guadagna lo 0,5%,
recuperando le perdite della precedente seduta.
    L'economia cinese ha registrato un'espansione del 2% nel
secondo trimestre rispetto al primo, portando la crescita annua
del Pil al 7,5%, leggermente sopra la media delle previsioni.
    Sugli scudi i titoli minerari. L'indice di settore, lo STOXX
Europe 600 Basic Resources avanza di 0,7 punti
percentuali.
    Tra i titoli in evidenza:
    
    * Rio Tinto sale dell'1,5% dopo aver registrato una
netta crescita nella produzione di ferro grezzo in Australia e
un'accelerazione nelle consegne alla Cina.
    
    * Cede invece l'1,4% il produttore olandese di chip ASML
 e il 2% la svedese Tele2. Entrambe le
società hanno annunciato risultati trimestrali migliori delle
attesse ma si sono mostrate caute sulle previsioni per l'intero
anno.
    
    * Portugal Telecom avanza di quasi il 4%
recuperando parte delle perdite accumulate nei giorni scorsi.
    Rioforte, la holding della famiglia Espirito Santo, non ha
rimborsato il debito di 847 milioni di euro in commercial paper.
Il mancato rimborso del debito si traduce in una revisione del
merger fra Portugal Telecom e il brasiliano Grupo Oi, con la
società portoghese che avrà una quota inferiore nella nuova
entità, ovvero il 25,6% del capitale.
    
    * La tedesca K+S, società che opera
nell'agrochimica, perde l'1,4%. Nomura ha declassato il titolo a
'reduce' da 'neutral'.
    
    * La belga Iba, che fornisce macchinari per la
radioterapia, sale di quasi il 3% dopo aver avuto dagli Stati
Uniti l'autorizzazione a utilizzare una nuova apparecchiatura
per la cura del cancro, meno costosa e più facile da installare.
    
    
    Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano.
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia