Contratto Expo, sentito Sala come testimone

martedì 15 luglio 2014 19:44
 

MILANO, 15 luglio (Reuters) - Il commissario di governo per l'Expo, Giuseppe Sala, è stato sentito come testimone nell'ambito dell'indagine condotta dalla procura di Busto Arsizio su presunte irregolarità in contratti legati a Expo 2015.

Lo dice una fonte giudiziaria, aggiungendo che Sala è stato sentito dai pm Eugenio Fusco e Pasquale Addesso.

"La testimonianza potrebbe essere stata utile per capire come, a livelli più bassi (di quelli di Sala), sono stati siglati i due contratti oggetto di presunte irregolarità" spiega la fonte.

Nell'ambito dell'indagine hanno ricevuto un avviso di garanzia con l'ipotesi di reato di concussione per induzione il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e il capo della sua segreteria Giacomo Ciriello.

I due contratti di collaborazione a termine su progetti per Expo 2015 sono stati stipulati peraltro non dalla Regione, ma dalle società Expo ed Eupolis, ha fatto notare ieri la Regione in una nota.

L'inchiesta - nata da una costola di uno dei filoni di indagine su Finmeccanica SIFI.MI - ipotizza che il governatore lombardo e, per suo conto, il capo della sua segreteria abbiano indotto le due società a partecipazione pubblica a fornire a Mara Carluccio (consulente del Ministero dell'Interno) e a Maria Grazia Paturzo due contratti di consulenza, perché non erano "riusciti a collocarle presso lo staff del Presidente, in quanto la loro assunzione sarebbe stata soggetta ai controlli della Corte dei Conti sulla Regione", come si legge nel decreto di perquisizione della sede della Regione Lombardia avvenuta ieri .

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia