Mediaset,Telefonica in Premium "fa comodo",pericoli da tlc e web-Confalonieri

martedì 15 luglio 2014 16:08
 

MILANO, 15 luglio (Reuters) - L'ingresso di Telefonica in Mediaset Premium è segno del naturale avvicinamento tra broadcaster e tlc e "fa comodo" a Mediaset che oltre alla crisi del mercato pubblicitario deve fronteggiare anche un contesto competitivo che giudica poco equo.

E' quanto ha detto il presidente del gruppo Fedele Confalonieri nel corso di un'audizione alla Commissione Trasporti alla Camera nell'ambito di un'indagine conoscitiva sul sistema dei media.

"NELLE COSE" ALLEANZA CON GRUPPO TLC

"Seguendo lo sviluppo tecnologico ha senso avere rapporti con i gruppi telefonici, che ci fosse la possibilità di fare alleanze con le società di tlc era nelle cose, poi vedremo dove porteranno", ha detto Confalonieri rispondendo a una domanda sul recente accordo con Telefonica che porterà gli spagnoli nella pay Tv del Biscione con una quota dell'11% circa. In particolare il presidente di Mediaset ha citato possibili sviluppi su Infinity, il servizio di contenuti on demand del gruppo controllato dalla famiglia Berlusconi.

"A noi quell'11% di Alierta (il presidente di Telefonica) ci fa comodo. Nella nostra strategia c'è sempre di più l'idea di aprirci, ma naturalmente deve esserci anche una congiuntura diversa, che ci permetta di fare investimenti", ha proseguito ricordando la lunga crisi che ha investito il mercato pubblicitario in Italia.

RISCHI DA FAME FREQUENZE GRUPPI TLC E ASSENZA REGOLE SU WEB

Se le tlc sono un'opportunità per la Tv, ha messo in chiaro il presidente di Mediaset, rischiano anche di diventare, accanto ai giganti di Internet, una seria minaccia alla sopravvivenza della Tv generalista e dei produttori di contenuti in genere.   Continua...