Borsa Milano amplia cali dopo deludente Zew, banche pesanti

martedì 15 luglio 2014 12:49
 

MILANO, 15 luglio (Reuters) - Piazza Affari estende il calo ma prova a risalire dai minimi della mattinata raggiunti sulla scia del deludente dato sull'indice Zew che alimenta i timori sulla ripresa dell'economia dell'Eurozona.

Dopo i segnali di timido rimbalzo delle ultime sedute che avevano lasciato intravadere un possibile ritorno dell'appetito per il rischio, sui mercati torna a predominare la cautela. Ne fanno le spese in primo luogo i bancari che risentono anche della crisi della portoghese Banco Espirito Santo.

"Lo Zew è uscito male e questo appesantisce i mercati", commenta un trader.

"Inoltre, le vicende di Banco Espirito Santo e qualche timore sugli Aqr tirano giù tutto il settore bancario", aggiunge.

L'indice Zew, barometro della fiducia di analisti e investitori tedeschi a luglio è sceso a 27,1 punti dai 29,8 di giugno, contro attese di un calo più contenuto a 28. Si tratta del settimo ribasso consecutivo dell'indicatore sceso ai mimini dal dicembre del 2012.

Alle 12,40 circa l'indice FTSE Mib segna un calo dell'1,31% e l'Allshare dell'1,25%. L'indice benchmark europeo FTSEurofirst300 cede lo 0,24%

Insieme alla borsa milanese, anche Madrid e Lisbona perdono oltre un punto percentuale.

Volumi pari a poco sotto un miliardo di euro.

Sul mercato dei derivati il futures sul FTSE Mib è in calo dell'1,45% a 20.410 punti.   Continua...