PUNTO 1-Generali chiude dossier cessioni con Bsi, Solvency I oltre 160%

lunedì 14 luglio 2014 11:20
 

(aggiunge background)

MILANO, 14 luglio (Reuters) - Generali chiude il capitolo dismissioni con la cessione della private bank svizzera Bsi a Banco BTG Pactual pur sopportando una piccola minusvalenza da 100 milioni di euro.

La compagnia triestina anticipa così di oltre un anno il target di Solvency I al 160%, previsto entro il 2015, mentre il ricavato della cessione di asset non strategici sale a 3,7 miliardi, a fronte di un target di 4 miliardi annunciato a inizio 2013.

"Ora possiamo guardare avanti concentrandoci sul core business assicurativo senza quello che è stato un problema per lungo tempo", commenta il Ceo Mario Greco in una nota.

L'impatto sul Solvency I è di 9 punti percentuali che aggiunti al 152% del primo trimestre creano un dato pro forma del 161%.

Per la cessione è stato convenuto un prezzo di 1,5 miliardi di franchi svizzeri (circa 1,24 miliardi di euro), di cui 1,2 miliardi in contanti e 300 milioni in pacchetti di azioni Banco BTG Pactual. Il corrispettivo potrebbe essere soggetto "ai consueti aggiustamenti" nonché in base all'eventuale onere economico di Bsi derivanti dal tax amnesty programme del dipartimento di Giustizia degli Usa riguardanti gli istituti bancari svizzeri.

Gli analisti indicavano una forchetta di prezzo compresa tra 1,4 e 1,6 miliardi di euro, cifra che alcune fonti ritenevano plausibile mentre altre erano più caute.

La parte in azioni riguarderà 'units' di Banco BTG Pactual quotate alla borsa di San Paolo. Si tratta di una unit Banco BTG Pactual composta da un'azione ordinaria e due privilegiate e di una unit BTG Participations composta da una azione ordinaria con diritto di voto e due senza diritto di voto.

L'operazione attende l'ok delle autorità competenti e dovrebbe chiudersi entro il primo semestre del 2015.   Continua...