Borsa Milano in profondo rosso, vendute le banche, si salva solo Telecom

giovedì 10 luglio 2014 11:43
 

MILANO, 10 luglio (Reuters) - Piazza Affari è in deciso ribasso nella tarda mattina, penalizzata dalle prese di profitto in particolare sui bancari.

A pesare sul listino italiano anche il dato sulla produzione industriale a maggio sceso dell'1,2% rispetto al mese precedente, dato peggiore da novembre 2012, secondo l'Istat, che fa aumentare i dubbi sulla ripresa dell'economia in Italia.

Intorno alle 11,40 il FTSEMIB perde l'1,74%, così come l'Allshare. Perdite pià contenute per gli altri indici europei: il FTSEurofirst 300 arretra dello 0,88%. Volumi poco sopra quota 1,1 miliardi di euro.

Vendite copiose sulle popolari, come la POP EMILIA che cede il 3,34%, POP MILANO il 4,2%. Male anche MPS in contrazione del 4,2%. Anche le big INTESA SP e UNICREDIT cedono fra il 3 e il 3,6%. A livello europeo l'indice settoriale cede il 2,2%.

Unico titolo sugli scudi è TELECOM ITALIA che guadagna l'1,7% circa. Stamane Jp Morgan ha alzato il rating a OVERWEIGHT da NEUTRAL sulle ordinarie e sulle risparmio (+1,16%). "Sul titolo influisce l'upgrade di Jp Morgan", osserva un trader.

In lieve rialzo ENEL (+0,33%) nel giorno del Cda che, secondo indiscrezioni di stampa, dovrebbe esaminare e approvare il nuovo piano di dismissioni messo a punto dall'Ad, Francesco Starace.

Fra i minori spunti su INDESIT in salita delo 0,7% sulle rinnovate indiscrezioni di stampa di matrimonio in vista con Whirlpool.

(Giancarlo Navach)   Continua...