Germania, governo dà via libera a unione bancaria europea

mercoledì 9 luglio 2014 14:42
 

BERLINO, 9 luglio (Reuters) - Il consiglio di gabinetto tedesco ha approvato un pacchetto di proposte di legge che nei fatti costituisce il via libera ai piani per la creazione di un'unione bancaria europea, principale risposta alla crisi di fiducia nel settore finanziario. Lo ha riferito una fonte del governo.

Il piano europeo per l'unione bancaria prevede la supervisione unica di una singola autorità sulle banche della zona euro, un'unica normativa per la gestione delle crisi bancarie e un fondo cui attingere per i costi di tali crisi.

Per minimizzare gli oneri per i contribuenti europei, le autorità europee hanno ideato una normativa in base alla quale gli azionisti, i creditori e i detentori di conti deposito di dimensioni più consistenti saranno i primi a dover pagare il contro di un fallimento bancario.

In base alla bozza di legge tedesca, i creditori e proprietari delle banche in difficoltà saranno i primi a dover fronteggiare delle perdite già dall'inizio del 2015, un anno prima che le regole siano previste per l'intero blocco di Paesi che aderiscono alla valuta unica.

La Banca centrale europea inizierà la supervisione delle banche principali della zoan euro alla fine di quest'anno, in quello che costituisce il primo passo verso l'unione bancaria.

Il passo successivo, cui si sta ancora lavorando, sarà l'adozione di un approccio comune per evitare che le banche in difficoltà trascinino a fondo gli Stati, come accaduto per l'Irlanda.

Un'altra norma nel pacchetto di misure assicura l'aderenza della Germania alle regole che permettono al Meccanismo di Stabilità Europea Esm di ricapitalizzare le banche direttamente, in circostanze ben precise.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia