Ue, governo italiano e tedesco sulla stessa linea - Padoan

martedì 8 luglio 2014 09:34
 

BRUXELLES, 8 luglio (Reuters) - Non ci sono divergenze tra l'Italia e il governo tedesco, che sono sulla stessa linea per quanto riguarda la necessità di implementare riforme che favoriscano la crescita economica.

Lo ha detto il ministro dell'Economia arrivando all'Ecofin, la riunione dei ministri delle Finanze dell'Unione europea, dopo le polemiche dei giorni scorsi.

"L'Italia è sulla stessa linea del governo tedesco. [Il premier italiano Matteo] Renzi e il [cancelliere tedesco] Angela Merkel sono sulla stessa linea. Io sono sulla stessa linea del [ministro delle Finanze tedesco Wolfgang] Schaeuble", ha detto Padoan.

La settimana scorsa Manfred Weber, presidente del gruppo dei popolari europei all'europarlamento, e poi il numero uno della Bundesbank Jens Weidmann, tradizionalmente su posizioni rigoriste, avevano criticato la linea dell'Italia.

Dal primo luglio Roma ha assunto la presidenza di turno dell'Unione europea e vuole promuovere l'utilizzo della flessibilità nel percorso di rientro dal deficit e del debito prevista dal Patto di stabilità e crescita per i Paesi che implementano riforme.

"Weidmann non fa parte del governo tedesco", ha tagliato corto Padoan, rispondendo a una domanda che faceva riferimento alle critiche del banchiere centrale. "C'è pieno accordo sul fatto che per implementare la crescita in Europa - qualcosa di cui hanno bisogno tutti i membri, Germania compresa - servano riforme strutturali".

Padoan, che presiederà i lavori dell'Ecofin, ha ribadito che "l'Italia sta realizzando le riforme" e che l'obiettivo è "aiutare i Paesi a trovare incentivi per fare le riforme".

(Francesca Landini)   Continua...