Rottapharm, dopo Ipo 500 mln per potenziali acquisizioni - AD

venerdì 4 luglio 2014 13:44
 

MILANO, 4 luglio (Reuters) - Una volta quotata Rottapharm avrà una potenza di fuoco di 500 milioni di euro per eventuali acquisizioni.

E' quanto spiegato dall'amministratore delegato della società Luca Rovati, sottolineando che la società ha già cinque dossier allo studio.

"Avremo un fire power di mezzo miliardo di euro", ha detto Rovati durante la conferenza stampa di presentazione dell'Opv partità mercoledì. "Potremmo tirare ulteriormente la leva ma non è il caso. Anche perchè nessun target che ci interessa al momento ha questa dimensione", ha continuato l'imprenditore.

Rovati ha sottolineato che su cinque dossier aperti, uno riguarda una possibile importante partnership in estremo oriente e quattro riguardano l'Europa. Tra questi ultimi, due riguardano un paese europeo in cui al momento la società opera solo come distributore, uno un prodotto dell'Europa meridionale e uno un prodotto importante a livello europeo.

Le azioni offerte da Rottapharm nell'Ipo derivano tutte dalla vendita di parte della quota di Fidim della famiglia Rovati (il 25% aumentabile al 30%), mentre non ci sarà un aumento di capitale che porti capitali freschi alla società.

Tuttavia parte dei proventi che incasserà Fidim saranno utilizzati per rimborsare il debito infragruppo pari a 253,5 milioni (più interessi) e Rottapharm a sua volta utilizzerà queste risorse per rimborsare parte delle linee con le banche.

Il resto - stimato dall'imprenditore in 90 milioni - andrà a sommarsi alla cassa attuale per "un totale di 160-170 milioni di cassa liberamente disponibili per transazioni M&A".

La riduzione del debito inoltre permetterà alla società di fare ulteriore leva, portando quindi le potenziali risorse per acquisizioni ai 500 milioni annunciati.

"Almeno una o due speriamo si possano concretizzare entro l'anno", ha aggiunto Rovati.   Continua...