Forex, euro stabile in area 1,3660 dlr dopo Pmi, occhi su dati Usa

giovedì 3 luglio 2014 10:38
 

LONDRA, 3 luglio (Reuters) - La valuta unica resta poco
variata in area 1,3660 dollari dopo la pubblicazione
dell'indagine congiunturale sul settore dei servizi nella zona
euro, che ha rallentato il ritmo di crescita al minimo degli
ultimi sei mesi.
    Mentre non sono attese novità dal meeting della Banca
centrale europea, dopo l'annuncio del pacchetto di misure
espansive il mese scorso, le attenzioni degli investitori  si
concentrano sui dati relativi al mercato del lavoro Usa.
    Nel pomeriggio, con un giorno di anticipo per la festività
del 4 luglio, saranno pubblicati i numeri dei 'payroll' di
giugno. Le attese degli economisti indicano 212.000 nuovi posti
di lavoro non agricoli, a fronte dei 217.000 posti creati il
mese precedente.
    Ieri il rapporto Adp sull'occupazione nel settore privato,
tradizionale anticipatore del dato ufficiale sui 'payroll', ha
evidenziato la creazione di 281.000 nuovi posti in giugno,
contro 170.000 di maggio, ben sopra le attese di 200.000, e ha
alimentato le speranze di una sorpresa verso l'alto per il dato
odierno, che coronerebbe una serie di segnali di una ripartenza
della crescita Usa, preludio di un orientamento gradualmente
meno espansivo da parte della Federal Reserve.
    Alla luce di questo, il dollaro è ben impostato nei
confronti delle principali controparti oltre i minimi da 8
settimane segnati di recente.
     L'indice del biglietto verde sulle principali controparti
valutarie viaggia in area 80,005, oltre il minimo di
79,740 segnato martedì.    
        
                             ORE 10,35               CHIUSURA
 EURO/DOLLARO         1,3659/63                 1,3659  
 DOLLARO/YEN          101,92/95                 101,77  
 EURO/YEN          139,21/27                 139,00 
 EURO/STERLINA     0,7906/65                 0,7955  
 ORO SPOT         1.322,00/22,5          1.327,14/7,76
    
 
 
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia