Ue, ok Juncker in cambio flessibilità, nome Letta mai sentito - Renzi

venerdì 27 giugno 2014 18:02
 

BRUXELLES, 27 giugno (Reuters) - L'Italia ha sostenuto Jean-Claude Juncker alla presidenza della Commissione europea in cambio dell'accordo politico e del documento stilato dal summit Ue di ieri e oggi che prevede maggiore flessibilità nei bilanci pubblici per i paesi che si impegnano seriamente a fare le riforme.

Lo ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi durante la conferenza stampa a conclusione del vertice, smentendo che sia mai stato fatto il nome di Enrico Letta come prossimo presidente del Consiglio Ue.

L'Italia ha già la guida della Bce, ha spiegato Renzi, e non è pensabile che abbia due presidenze su tre (Bce, Consiglio Ue e Commissione Ue).

Renzi ha ribadito l'impegno italiano a fare le riforme già nei prossimi mesi per poter usufruire della flessibilità di bilancio.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia