Diritti Serie A, Eurosport valuta vie legali dopo decisione Lega

venerdì 27 giugno 2014 12:47
 

MILANO, 27 giugno (Reuters) - L'emittente televisiva Eurosport ritiene che l'assegnazione dei diritti tv per campionato di calcio nel triennio 2015-2018 sia avvenuta in contrasto alle regole descritte nel bando e si riserva di ricorrere alle vie legali.

E' quanto si legge in una nota dell'emittente, che aveva presentato un'offerta di 140 milioni all'anno per il pacchetto di partite delle 12 squadre minori, assegnato ieri a Mediaset per 306 milioni, in prospettiva di un successivo passaggio a Sky Italia, sulla base di un accordo riferito ieri da una fonte a conoscenza della situazione.

Mediaset aveva vincolato l'offerta da 306 milioni all'ottenimento di uno dei pacchetti pregiati, ipotesi non prevista dal bando di gara. Sempre per l'esclusiva sulle squadre minori, il cosiddetto pacchetto D, le altre offerte pervenute sono quelle di Sky (150 milioni) e Fox (180 milioni).

"Eurosport prende atto della decisione della Lega Serie A sull'assegnazione dei diritti. Riteniamo che questa assegnazione sia contraria alle regole descritte nell'invito ad offrire redatto dalla Lega Serie A e stiamo valutando tutte le opzioni, incluse quelle legali", recita la nota.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia