Btp Italia, Mef valuta accorgimenti per istituzionali -Iacovoni

mercoledì 25 giugno 2014 17:01
 

MILANO, 25 giugno (Reuters) - Il Tesoro valuterà la possibilità di adottare nuovi accorgimenti nella prossima emissione di Btp Italia, attesa a novembre, in modo da meglio controllare l'importo di titoli acquistati dagli investitori istituzionali.

Lo ha detto il numero due della Direzione del debito pubblico del Ministero dell'economia Davide Iacovoni, a margine di un convegno Assosim a Milano.

"Abbiamo individuato una metodologia che funziona, era importante arrivare ad una separazione tra la domanda retail e la domanda degli istituzionali, e da lì partiremo a ragionare nell'ottica di soddisfare la finalità di una riduzione degli importi collocati agli istituzionali" ha affermato Iacovoni. "Ci sarà un'altra emissione a novembre, vedremo".

L'ultima edizione del Btp Italia è stata collocata lo scorso aprile per circa 20,5 miliardi di euro, a metà tra investitori retail e istituzionali. Con l'ultimo Btp Italia, per la prima volta dall'introduzione di questo tipo di titolo nel 2012, il Tesoro ha previsto due periodi differenziati di sottoscrizione per retail e istituzionali.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia