Costa Concordia, su demolizione deciderà governo

mercoledì 25 giugno 2014 14:12
 

ROMA, 25 giugno (Reuters) - Sarà il governo, probabilmente nella riunione di lunedì 30 giugno, a prendere una decisione sullo smaltimento del relitto della nave da crociera Costa Concordia a Genova.

Lo ha annunciato oggi in una nota la struttura commissariale guidata dal capo della Protezione civile Franco Gabrielli, dopo che la conferenza dei servizi non è riuscita a trovare un accordo all'unanimità.

"Sarà il Consiglio dei ministri a dover decidere in merito al progetto presentato da Costa Crociere per il trasferimento della Concordia dall'Isola del Giglio nel porto di Genova individuato dal consorzio di imprese Saipem -San Giorgio del Porto per il successivo smaltimento", dice la nota.

La prossima riunione del Consiglio dei ministri è attesa per lunedì.

Nella conferenza dei servizi hanno votato contro la soluzione dello smaltimento a Genova la Regione Toscana e la provincia di Grosseto, dice la nota.

A maggio Costa Crociere (controllata da Carnival ) ha scelto il progetto presentato a marzo dal consorzio Saipem-Mariotti-San Giorgio per la demolizione del relitto nel porto ligure.

La nave da crociera, nel cui naufragio persero la vita 32 persone, è stata riportata in asse lo scorso settembre con una complessa manovra di rotazione ripresa da tutti i media del mondo.

Avrebbe dovuto essere riportata in galleggiamento questo mese, ma il cedimento di uno dei cassoni installati sul lato di dritta ha provocato uno slittamento al 18-20 luglio.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia