Diritti Serie A, no ad accordi con Mediaset prima di assegnazione -nota Sky

martedì 24 giugno 2014 17:35
 

MILANO, 24 giugno (Reuters) - Prima della decisione della Lega Serie A non ci sono né le condizioni né le ragioni per accordi tra gli operatori partecipanti all'asta dei diritti tv ed eventuali tematiche antitrust dovranno essere valutate da autorità competenti solo ad assegnazione avvenuta.

E' quanto si legge in una nota di Sky Italia, alla vigilia della riunione dei presidenti della Lega Serie A, che si riuniranno nuovamente domani per decidere dell'assegnazione dei diritti per la trasmissione della partite della massima serie nel triennio 2015-2018.

Nell'asta dei diritti tv Sky è risultato l'operatore con la migliore offerta sia per il pacchetto A, che comprende la trasmissione delle partite degli 8 club principali sul satellite, che del pacchetto B, che include le partite delle 8 big su digitale terrestre, ma Mediaset contesta la violazione delle regole antitrust.

"Sky concorda con Mediaset che l'assegnazione di entrambi i pacchetti A e B a un unico operatore potrebbe essere un tema antitrust", si legge nella nota. Ma eventuali tematiche antitrust, sostiene il gruppo controllato da Murdoch, dovranno essere valutate solo dalle autorità competenti.

"Se ad assegnazione avvenuta dovesse verificarsi in concreto l'esistenza di un abuso di posizione dominante legato al mantenimento da parte di Sky dell'esclusiva sulle partite delle 8 squadre, Sky adotterà la soluzione che dovesse rendersi necessaria, inclusa la distribuzione tramite operatori terzi dei diritti acquisiti".

La maggior parte dell'assemblea dei presidenti delle squadre, riunitisi ieri in assemblea, era favorevole all'assegnazione a Mediaset dei pacchetti A e D (che comprende i diritti per i 12 club minori) e a Sky del pacchetto B, preludio di un possibile accordo di scambio tra gli operatori che operano su piattaforme opposte a quelle che si vedrebbero assegnate.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia