Europa costringerà Google, Facebook a rispettare regole Ue su privacy

venerdì 6 giugno 2014 15:10
 

BRUXELLES, 6 giugno (Reuters) - Le compagnie con sede fuori dall'Unione europea devono rispettare le regole europee sulla protezione dei dati personali. Lo hanno deciso i ministri dei paesi membri, anche se rimangono divisi su come agire per far rispettare queste norme.

L'intesa per costringere le società che si basano su Internet come Google e Facebook a rispettare la normativa dell'Ue è il primo passo di una più ampia riforma per rendere più restrittive le regole sulla privacy, una questione che ha acquistato visibilità dopo le rivelazioni sull'attività di spionaggio Usa in Europa.

La rivelazione di Vodafone sulle ampie dimensioni della sua sorveglianza delle telefonate in Europa mostra che la pratica non è limitata agli Usa. Vodafone, la seconda compagnia di telefonia mobile al mondo, ha sede in Gran Bretagna.

"Tutte le aziende che operano sul suolo europeo devono applicare le sue regole", ha detto la commissaria alla Giustizia della Ue, Viviane Reding, dopo un vertice con i ministri in Lussemburgo, dove si è raggiunta una posizione che ha trovato anche il sostegno della Corte di giustizia europea.

"E' giunto il momento che i ministri europei diano una risposta positiva all'allarme lanciato da Edward Snowden", ha aggiunto Reding, con riferimento ai programmi di sorveglianza degli Usa svelati dall'ex contractor della National security agency americana.

La riforma della protezione della privacy, approvata dal Parlamento europeo a marzo, ha diviso i 28 governi Ue ed è ancora necessario un lungo lavoro prima che diventi legge.

Ancora da definire è come aiutare le compagnie a non dovere trattare con 28 autorità diverse per la protezione dei dati.

La questione è emersa dopo che la Corte di giustizia europea ha ingiunto a Google di rimuovere i link ad un articolo di giornale di 16 anni fa su un caso di bancarotta in Spagna.

Da allora, il motore di ricerca ha ricevuto decine di migliaia di richieste da tutta Europa e, secondo le regole attuali, dove trattare con ciascuna autorità nazionale.   Continua...