Banche Italia, da manovra Bce maggiore beneficio per popolari

venerdì 6 giugno 2014 17:21
 

di Andrea Mandala'

MILANO, 6 giugno (Reuters) - All'indomani del corposo pacchetto di misure straordinarie annunciate dalla Bce per sostenere l'economia, il mercato conferma i giudizi positivi sulle mosse della Banca centrale europea e analizza a fondo l'impatto per il settore bancario in generale e per i singoli istituti. I principali obiettivi del piano di Draghi sono quelli di allentare il credito attraverso una maggiore efficacia della trasmissione della politica monetaria all'economia reale e favorire la crescita dell'economia dell'eurozona.

Secondo gli analisti il più rilevante effetto positivo delle iniziative della Banca centrale europea sulle banche riguarderà però il funding, mentre è più incerto l'impatto sui volumi di credito, soprattutto per le Pmi, sia in termini di domanda che di politiche di offerta.

"In generale, le banche italiane beneficeranno dei nuovi fondi Bce in misura relativamente maggiore rispetto alle altre banche europee (e in particolare alle banche spagnole, più esposte al settore dei mutui-casa)" scrivono gli analisti di Icbpi.

In particolare il broker indica Creval, Banco Popolare e Pop Emilia, tra le più favorite "in virtù di un'incidenza dei finanziamenti a imprese e privati che stimiamo tra il 70% e l'80% degli attivi creditizi totali".

Le popolari sono in pole position anche per Intermonte.

"Ipotizzando che la dinamica degli impieghi rimanga quella da noi stimata oggi (+1,8% a/a nel 2014 e +2,8% a/a nel 2015), le banche dovrebbero avere un beneficio in termini di Eps che va dal +2/2,5% (Intesa Sanpaolo, UniCredit e Mediobanca ) al +7/8% per le banche popolari", dice il broker che tra le maggiori beneficiare di quest'ultime cita Ubi , Banco Popolare e Creval.

Equita Sim stima in generale un impatto positivo del minore costo del funding di circa il 5% sugli utili 2015-17. Spiccano Creval, con un impatto stimato attorno al 20% e Mps, il cui beneficio sull'utile potrebbe arriavare anche superare tale percentuale.

La risposta della borsa oggi conferma l'analisi. In un comparto bancario italiano frizzante - indice FTSE Italia All-Share Banks +3,3% - svettano le banche popolari.   Continua...