Furla punta ad aprire 150 nuovi negozi in 2014, aumenta premi dipendenti

venerdì 6 giugno 2014 12:26
 

MILANO, 6 giugno (Reuters) - Furla prevede per l'anno in corso 150 aperture di nuovi negozi nel mondo, di cui 56 già realizzate da gennaio a oggi, confermando la strategia di costante espansione globale.

Lo dice una nota del gruppo di pelletteria e accessori, presente in 100 paesi. A fine 2013 erano 344 i negozi monomarca, di cui 164 a gestione diretta, che generano il 59% del fatturato, e 180 in franchising.

Il comunicato annuncia inoltre la firma di un accordo con i sindacati per l'incremento della retribuzione variabile ai dipendenti (per le categorie di 4° e 5° livello i premi salgono dal 3 al 5%, dal 5 al 7% per il 3° livello, mentre vengono confermati all'8% e al 10% rispettivamente per il 2° e il 1° livello).

La crescita del gruppo bolognese che fa capo alla famiglia Furlanetto - sottolinea la nota - è infatti dovuta, oltre che all'espansione internazionale e agli investimenti in ricerca e sviluppo, anche alle strategie che puntano molto proprio sulle risorse umane, "attivando un circolo virtuoso e una ricaduta positiva sull'andamento dei risultati".

Nel 2013 i dipendenti hanno oltrepassato le 1.100 unità, con un aumento del 10% rispetto al 2012.

Furla ha chiuso il 2013 con un fatturato di 228 milioni di euro, in crescita del 7% (+14,5% a cambi costanti), portando a +45% l'incremento dell'ultimo triennio. Il 24% dei ricavi viene dall'Italia mentre all'estero è predominante l'area Emea (30%) seguita da Giappone (23%), Asia Pacifico (14%) e Usa (9%).

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia